Vittorio Sereni e René Char

vittorio sereni

Vittorio Sereni

Una delle opportunità che l’Erasmus regala agli studenti ‘abroad’ è quella di poter frequentare dei corsi di master anche senza aver conseguito la laurea triennale. Dopo aver tanto letto sulla traduzione letteraria ho deciso quindi di seguire un corso sul tema e il mio lavoro finale mi ha dato l’occasione di approfondire Vittorio Sereni traduttore di René Char.
In particolare è stata l’opera di aforismi-diario di guerra I Fogli d’Ipnos (Les Feuillets d’Hypnos) ad attirare la mia curiosità, sia in quanto prima traduzione di Char ad opera di Sereni (I ed. 1962 a cura di Caproni, ristampa con introduzione di Sereni nel 1968) che per motivi pratici, ossia la reperibilità del materiale a distanza.
Anche Sereni scrisse un’opera dall’aspetto di un diario di guerra, Diario d’Algeria, ma di natura totalmente differente per le sorti dei due scrittori.
Quello che trovo interessante quando un poeta traduce un altro poeta sono le ragioni che lo portano a mettersi al lavoro e l’influenza di questo sui propri scritti, perché quando si traduce si assorbe e interiorizza l’altro.
Credo che la traduzione di Char sia nata spontaneamente in Sereni, che sentiva forse bisogno di colmare un proprio vuoto, infatti le traduzioni risalgono al 1958 (periodo in cui Sereni cambiava in una ‘certa’ direzione), ma saranno pubblicate solo nel 62, per iniziativa di Caproni, quindi sarebbe logico pensare che l’ammirato Char abbia contribuito alla crescita poetica di Sereni, tuttavia per trovarne i segnali concreti bisognerebbe studiare accuratamente gli scritti di Sereni prima e dopo il ’58 – senza contare che nel frattempo Sereni tradusse diversi altri autori, francesi e non.

Qui c’è un approfondimento sul tema

«Le rettifiche, gli aggiustamenti, i rari espedienti riguardano solo l’orecchio o il gusto, cioè fatti di superficie, in rapporto alle possibilità della materia verbale di cui il traduttore dispone e si esercitano al più su una scelta tra singole parole o sulla decisione circa il giro da dare a una frase: niente altro. Lo si dice non tanto a illustrazione del lavoro di chi ha tradotto, quanto a riprova di certi caratteri – che vedremo – della poesia di Char.» (Sereni)

Ecco una piccola analisi stilistica, suddivisa per Lessico, Morfosintassi, Metrica e Retorica.

Lessico

  • Char utilizza un registro colloquiale e preciso, mentre Sereni (proprio come quando è egli stesso autore) ha la tendenza petrarchesca a selezionare delle parole più poetiche, che eliminino la complessità del reale ed estraggano l’essenza primaria semantica del concetto.

4

[…] puis le coeur serré, nous sommes allés et avons fait face.

[…] poi, col cuore nella morsa, ci siamo mossi e schierati

 

6

L’effort du poète vise à transformer vieux ennemis en loyaux adversaires, tout lendemain fertile étant fonction de la réussite de projet, surtout là où s’enlace, s’enlace, décline, est décimée toute la gamme des voiles où le vent des continents rend son cœur au vent des abîmes.

 

Lo sforzo del poeta mira a trasformare vecchi nemici in leali avversari: ogni domani fecondo è funzione del buon esito del progetto, specie là dove svetta, s’intrica, declina, è decimata tutta la gamma delle vele ove il vento dei continenti rende il suo cuore al vento degli abissi.

8

[…] Ils deviennent hostiles aux frissons de l’atmosphère et se soumettent sans retenue aux instances du mensonge et du mal. C’est sous une chute de grêle maléfique que s’effrite leur misérable condition. […]

[…] Diventano ostili ai fremiti dell’aria e soggiacciono senza ritegno all’assillo della menzogna e del male. Si abbatta una grandine malefica, e andrà in briciole la loro trista condizione. […]

9

[…] Sa fringale d’action doit se satisfaire de la tâche précise que je lui assigne. Il obéit et se limite, par crainte d’être tancé! […]

[…] La sua fame d’azione deve appagarsi del compito preciso che gli affido. Obbedisce e si limita, per tema di qualche sfuriata. […]

 

Morfosintassi

  • Al livello morfosintattico Sereni non azzarda cambi di categoria grammaticale alle diverse parti del discorso, lascia in generale la grammatica così come nell’originale, coerentemente con quanto dichiarato nella sua introduzione. Tuttavia Char utilizza una sintassi semplice e naturale (SVO), che delle volte Sereni riordina secondo proprio gusto, dando nel complesso uno stile più lirico alla composizione.
  • Inoltre ha la tendenza ad eliminare parti “inutili”, come ad esempio gli articoli, probabilmente per assoggettare gli aforismi ad un metro più ermetico, consonante con il primo Sereni.

40

Discipline, comme tu saignes!

Come sanguini, disciplina!

219

Brusquement tu te souviens que tu as un visage. Les traits qui en formaient le modelé n’étaient pas tous des traits chagrins, jadis. Vers ce multiple paysage se levaient des êtres doués de bonté. La fatigue n’y charmait pas que des naufrages. La solitude des amants y respirait. Regarde. Ton miroir s’est changé en feu. Insensiblement tu reprends conscience de ton âge (qui avait sauté du calendrier), de ce surcroît d’existence dont tes efforts vont faire un pont. Recule à l’intérieur du miroir. Si tu n’en consumes pas l’austérité du moins la fertilité n’en est pas tarie.

Di colpo ti ricordi che hai un volto. Non tutte erano dolorose le linee che ne formavano il volume, una volta. Verso quel molteplice paesaggio si levavano esseri dotati di bontà. Non solo naufragi vi attirava la fatica. Respirava in esso la solitudine degli amanti. Guarda. Il tuo specchio s’è mutato in fuoco. Insensibilmente riprendi coscienza della tua età (che aveva saltato il calendario), di questo aumento d’esistenza di cui i tuoi sforzi faranno un ponte. Arretra dentro lo specchio. Se non ne consumi l’austerità almeno la fecondità non ne è estinta.

  • Come già detto, I Fogli D’Ipnos di Char non sono poesie, ma aforismi in prosa, il ritmo è dato più che altro dalla punteggiatura, che spesso e volentieri Sereni tradisce. Le pause sono in generale aumentate di spessore.

6

L’effort du poète vise à transformer vieux ennemis en loyaux adversaires, tout lendemain fertile étant fonction de la réussite de projet […]

 

Lo sforzo del poeta mira a trasformare vecchi nemici in leali avversari: ogni domani fecondo è funzione del buon esito del progetto […]

Metrica

  • C’è un solo aforisma di Char che prende le sembianze di una poesia, e qui possiamo notare la mano del Sereni-poeta: un verso, reputato troppo lungo, viene spezzato in due. L’anafora viene sacrificata, l’ordine sintattico riformulato e l’aggettivo dimostrativo tagliato. Il ritmo del verso viene recuperato con una pausa breve, grazie alla virgola, ed accentuato a livello fonico.

221

 

Une fois de plus l’an nouveau mélange nos yeux.

De hautes herbes veillent* qui n’ont d’amour qu’avec le feu et la prison mordue.

Après seront les cendres du vainqueur

Et le conte du mal;

Seront les cendres de l’amour;

L’églantier au glas survivant;

Seront tes cendres,

Celles imaginaires de ta vie immobile sur son cône d’ombre.

[=fanno la guardia]

 

Una volta di più l’anno nuovo confonde i nostri occhi.

Alte erbe son deste che amore non hanno /m/ /n/

Se non col fuoco e con la morsa e rimorsa prigione. /rs/, /m/

Dopo saranno le ceneri del vincitore

E il racconto del male;

Le ceneri saranno dell’amore;

La spinalba superstite al rintocco di morte;

Saranno le ceneri di te,

Immaginarie, della tua vita immobile sul suo cono d’ombra.

 

 Retorica

 

  • La persecuzione dello stile lirico emerge anche quando Sereni preferisce spezzare il ritmo cantilenante dell’aforisma, creato da Char per mezzo della ripetizione, per riorganizzarlo in maniera più poetica.

6

[…] surtout là où s’enlace, s’enlace, décline, est décimée toute la gamme des voiles où le vent des continents rend son cœur au vent des abîmes.

 

[…] specie là dove svetta, s’intrica, declina, è decimata tutta la gamma delle vele ove il vento dei continenti rende il suo cuore al vento degli abissi.

 

21

Amer avenir, amer avenir, bal parmi les rosiers…

Amaro futuro, futuro amaro, ballo tra i rosai…

  • In particolare gli aforismi numero 8 e 9 subiscono un totale stravolgimento: la parte finale del numero 8 viene convertita in un’invocazione; il tono enfatico del numero 9 viene annientato dalla sostituzione dei punti esclamativi con dei perentori punti fermi.

8

[…] Ils deviennent hostiles aux frissons de l’atmosphère et se soumettent sans retenue aux instances du mensonge et du mal. C’est sous une chute de grêle maléfique que s’effrite leur misérable condition.

[…] Diventano ostili ai fremiti dell’aria e soggiacciono senza ritegno all’assillo della menzogna e del male. Si abbatta una grandine malefica, e andrà in briciole la loro trista condizione.

 

9

Arthur le Fol, après les tâtonnements du début, participe maintenant, de toute sa forte nature décidée à nos jeux de hasard. […] Il obéit et se limite, par crainte d’être tancé! Sans cela, Dieu sait dans quel guêpier final sa bravoure le ferait glisser! Fidèle Arthur, comme un soldat de l’ancien temps!

Arthur le Fol, dopo i brancolamenti iniziali, partecipa ora con tutta la sua forte natura decisa ai nostri giochi d’azzardo. […] Obbedisce e si limita, per tema di qualche sfuriata. Se no, Dio sa in che vespaio andrebbe a cacciarsi col suo gran fegato. Fedele Arthur, come un soldato d’altri tempi.

 

Advertisements

Leave a Comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s